Girare un film indipendente - in piadineria alle 4.00

Girare un film indipendente: in piadineria alle 4.00.

Orgogliosi del Patrocinio del Comune di Modena, ci apprestiamo a girare la prima grande scena in notturna del nostro film indipendente. Un altro tocco di realismo nel nostro film: la Piadineria di Franca Malagoli e Mario Moretti ci concede con grande generosità l’uso della location.

Tanti i personaggi chiamati all’azione: l’apparentemente irreprensibile Carlo Ferri (Lorenzo Mosenich), collega di Giovanni (Enzo Francesca), che se ne va in giro di notte e nota un particolare inaspettato, Monica Elisabetta Amaduzzi che mette in scena la sua Cinzia, navigata prostituta, nel suo habitat naturale, Anna Rita Ansaloni (nelle vesti della piadinara Aida Gamberini), che ci prende gusto al punto di preparare piadine per tutti fino a notte fonda, Fabrizio Iori e il suo inquietante Mirko Gamberini, lo stesso Giovanni, che ci svela qui un suo lato forse equivoco. Tante anche le comparse, tra cui i nostri Fabiano Maia Xavier e Federico Grande.

La troupe si impegna al massimo per dare il giusto risalto alla vicenda. Il livello di difficoltà si impenna quando il generatore si mette di traverso e inizia a considerare l’Azione! del regista Massimo Menchi come via libera per dichiararsi sconfitto e lasciarci al buio.

Ma girare un film indipendente significa anche reagire all’imprevisto: Jean T. Noir, Stefano Cocco Covili, Manuel Carrabs, Matteo Mezzetti e Barbara Pasquariello imparano a contare fino a dieci(mila) prima di arrendersi. Alla fine, è il generatore che si arrende a noi e le riprese vengono terminate.

Si va avanti stoicamente fino alle 4 del mattino, ma non c’è da meravigliarsi: il cinema ha i suoi tempi, e noi siamo felici di assecondarli… anche nel cuore della notte! Siamo stanchi ma contenti del risultato: “Apart” sarà un piccolo film indipendente da vedere! Un nuovo miracolo di passione, tenacia e follia. Ma alla follia ormai siamo abituati…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *